venerdì 20 maggio 2011

La donna aspettò che il treno si allontanasse.
- Sai, il cuore umano, - disse poi, - a me dà l'impressione di un pozzo profondissimo. Nessuno sa cosa ci sia laggiù. Si può solo cercare di immaginarlo dalle cose che ogni tanto vengono a galla.[...] // Murakami Haruki, I salici ciechi e la donna addormentata, Einaudi

1 commento:

litsius ha detto...

Ma se in fondo al pozzo c'è... Samara?
"Sette giorni..." :-)
Ciao

litsius